Il 26 settembre evento speciale al cinema con il documentario “Ivory. A Crime Story”

Il documentario “Ivory. A Crime Story” sarà distribuito da Koch Media come evento speciale martedì 26 settembre. Il regista, Sergey Yastrzhembskiy, conduce una vera e propria inchiesta sulle cause e sulle conseguenze di una richiesta di avorio senza precedenti.

Tre anni di riprese, 30 paesi, oltre 250 ore di materiale grezzo hanno creato le basi per il documentario «IVORY. A CRIME STORY», un’indagine sulle cause e sulle conseguenze di una richiesta di avorio senza precedenti. L’inchiesta è stata condotta dal noto ex politico russo Sergey Yastrzhembskiy, portavoce di Boris Yeltsin e Assistente di Vladimir Putin, che ha poi dedicato la sua vita alla produzione cinematografica, concentrandosi sul continente Africano. In questo film, sfida il mondo civilizzato che ancora oggi non è in grado di bloccare il sanguinoso business dell’avorio. IVORY. A CRIME STORY rappresenta una denuncia all’inefficienza di alcune organizzazioni non gover native, apparentemente impegnate nella conservazione e salvaguardia di piante rare e di specie animali a rischio estinzione, ma che in effetti sembrano inattive. Smaschera la corruzione Africana che distrugge il continente, come un cancro e mette in evidenza la richiesta di avorio da parte della Chiesa Cattolica e dei monaci buddisti nonché lo sconcertante ruolo della Cina per la sua avida richiesta di avorio che ha portato questi animali sull’orlo della totale estinzione.
Recentemente premiato come Miglior Documentario al New York City International Film Festival 2016. Ha ricevuto anche il premio per la Miglior Regia e il Premio Speciale della Giuria “For humanism in cinema art” al Vues du Monde Festival de Montreal 2016 e ha ricevuto l’apprezzamento di Sua Santità il Dalai Lama XIV.
Il regista del documentario è un Ex diplomatico, politico, portavoce di Boris Yeltsin, assistente di Vladimir Putin e inviato presidenziale speciale presso la EU. Attualmente produttore e regista di documentari, giornalista, fotografo e viaggiatore. Negli ultimi dieci anni, Sergey ha dedicato la sua vita alla sua passione per la fotografia documentaristica e per la produzione cinematografica, soprattutto nel continente africano ma anche in altri angoli remoti del mondo. Sempre seguendo le sue passioni ha prodotto la serie televisiva internazionale dedicata alle popolazioni native africane, BEYOND THE PASSAGE OF TIME nel 2011 e il suo primo documentario lungometraggio: AFRICA, BLOOD & BEAUTY che ha avuto la sua première mondiale al Montreal World Film Festival nel 2011 e per il quale ha vinto il “Golden Eagle” Russian Cinema National Prize per il Miglior Documentario 2013. Il suo lavoro documentaristico lo ha portato a fare film che difendono popoli, animali e tradizioni minacciate dalla civiltà moderna, inclusi gli sciamani nel nord della Siberia e la pratica Vodoo in Africa. Di tutte le cause per cui ha combattuto, il commercio illegale di avorio e i massacri che devastano le popolazioni di elefanti sono forse la sua più grande preoccupazione. Sergey ritiene sia un vero e proprio dovere portare urgentemente all’attenzione dell’opinione pubblica questo scandalo su scala globale prima che sia troppo tardi.
Segnala a Zazoom - Blog Directory

Loading...

Commenta per primo

Lascia un commento

Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
LinkedIn
Share
Instagram