Maccio Capatonda e il suo “Omicidio all’italiana”

Il suo obiettivo è di far riflettere e ridere allo stesso tempo. Missione compiuta per Maccio Capatonda che firma il suo secondo film da regista “Omicidio all’italiana” in uscita nelle sale cinematografiche dal 2 marzo. La pellicola, prodotta da Lotus Film di Marco Belardi insieme con Medusa Film che lo distribuisce anche, ha nel cast oltre allo stesso Capatonda, Herbert Ballerina, Gigio Morra, Ivo Avido,  Roberta Mattei, Fabrizio Biggio e Sabrina Ferilli.

Segnala a Zazoom - Blog Directory

La trama del film racconta uno strano omicidio che sconvolge la tranquilla Acitrullo,  sperduta località dell’entroterra abruzzese. Nella tragedia, però, il Sindaco (Capatonda) e il suo vice (Ballerina) vedono l’occasione perfetta per far uscire dall’anonimato il paesino. Oltre alle forze dell’ordine infatti, accorrerà sul posto una troupe del famigerato programma televisivo “Chi l’acciso?”, condotto da Donatella Spruzzone (Ferilli). Grazie alla trasmissione e all’astuzia del sindaco, Acitrullo diventerà in men che non si dica famosa come e ancor più di Cogne! Ma sarà un efferato crimine o un… omicidio a luci grosse??

“Tra le storie a cui mi sono ispirato per il mio film c’è specialmente l’Isola del Giglio, Avetrana e Cogne dove ho anche scritto buona parte del film – ha spiegato l’attore e  regista Capatonda – è mostruoso vedere come i luoghi dove sono stati commessi omicidi terribili diventino mete di turismo. Mi hanno detto che i giornalisti si appostavano vicino alle finestre delle abitazioni dove avvenivano i delitti per spiare all’interno…una mostruosità! Vorrei smuovere le coscienze. Tutti noi siamo da condannare poichè seguiamo i fatti di cronaca come se guardassimo una fiction o un evento sportivo. Diventiamo quasi morbosi nell’ascoltare notizie di cui potremmo tranquillamente fare a meno.”

Ma la domanda sorge spontanea: “Donatella Spruzzone è ispirata a Roberta Bruzzone?” “Sì – ha risposto Capatonda – è una sintesi tra la Bruzzone, la D’Urso e tante altre. Conduttrici spietate che mettono sotto i riflettori vittime e carnefici pur di aumentare lo share.” Su Sabrina Ferilli ha detto: “Non avrei mai immaginato che potesse accettare di far parte del mio film. E’ stata eccezionale anche sul set dove non solo si è subito immedesimata nel personaggio, ma è diventata grande complice nel rappresentare l’immagine di una realtà che purtroppo viene stravolta dai media.”

 

Loading...

Commenta per primo

Lascia un commento

Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
LinkedIn
Share
Instagram