‘GOLD – La grande truffa’. Il sogno americano tra miniere d’oro e satira capitalista

Oro, corruzione, amicizia ...e il solito straordinario Matthew McConaughey

Kenny Wells (Matthew McConaughey) è un uomo d’affari cresciuto nel settore minerario. La società ereditata dal padre non frutta più come una volta e nel giro di otto anni si ritrova al verde. Rifugiandosi nell’alcol e nella nicotina, cerca disperatamente il modo di tornare a galla. La svolta arriva nel sonno. Una sera infatti Kenny è letteralmente così ubriaco da avere una visione: sogna di trovare una miniera d’oro nella sperduta giungla del Borneo. Non avendo più nulla da perdere, vende i suoi ultimi averi e vola in Indonesia, dove trova la collaborazione del mitico geologo, “the river walker”, Michael Acosta (Edgar Ramirez). Con il suo aiuto, nel giro di qualche mese viene a galla il più grande ritrovamento d’oro nella storia di tutti i tempi ed entrambi si ritrovano sfacciatamente ricchi. Ma non è tutto oro quello che luccica…

Segnala a Zazoom - Blog Directory

Il film esplora l’ambizione e l’autostima all’interno di una grande storia di amicizia. Kenny e Mike condividono le stesse necessità. Hanno le qualità per essere riconsiderati sotto una luce più favorevole. Si riconoscono uno nell’altro. Che si tratti di inganno o di cospirazione, l’amicizia è il collante che tiene insieme tutti gli altri temi.
Temi che nonostante vengano ambientati negli anni Ottanta risultano molto attuali: avidità, ambizione, tradimento, onestà, speranza, inutilità, disperazione. Tutti incarnati in personaggi secondari che ruotano attorno ai due protagonisti come le api col miele: politici corrotti, banchieri con due facce, subdoli membri del governo; insomma, tutti quei classici elementi che stanno intorno alle grandi ricchezza minerali …e che in un modo o nell’altro vogliono sottrarre il tesoro a Kenny e Mike.

GOLD – La grande truffa si ispira a fatti realmente accaduti, anche se per chiari motivi, alcuni legati a speculazioni, sia i nomi sia alcune tematiche sono state riadattate per il grande schermo. In generale, l’idea del film nasce dalla scandalo Bre-X degli anni Novanta, in cui l’azienda canadese Bre-X Minerals Ltd. riportava la scoperta di un enorme giacimento di oro in Indonesia, per gentile concessione di un imprenditore minerario che aveva collaborato con un geologo. Inizialmente con titoli di basso valore, la Bre-X si è sollevata con miliardi di capitalizzazione. L’uomo in questione, David Walsh, è stato rimodellato nella sceneggiatura di Patrick Masset e John Zinman sotto il nome di Kenny Wells.

Kenny incarna lo spirito imprenditoriale dell’America, forse la parte migliore, con una convinzione incrollabile che supera tutti gli ostacoli. Oltreoceano piacciono molto i personaggi che sono perdenti, che devono combattere per dimostrare di valere qualcosa, e Kenny è uno di questi. Lui vuole riemergere dall’abisso in cui è sprofondato ed è disposto a rischiare la vita per farlo – nei primi mesi di ricerca in Indonesia si ammala di malaria e quasi ci rimette la pelle! Questo è un tema molto forte per gli uomini statunitensi: la loro identità è strettamente legata al loro valore materiale e al loro nome.

Matthew McConaughey entra a far parte del progetto dopo aver letto per puro caso la sceneggiatura: “È stata una delle poche per cui ho detto: Devo assolutamente farlo, devo interpretare questo ragazzo”. L’attore racconta di sentirsi molto legato all’ambiente descritto nel film, poiché suo padre, seppur senza fortuna, investì tanti anni fa in una miniera di diamanti in Ecuador.
Dal punto di vista recitativo invece, ancora una volta McConaughey dimostra il motivo per cui è uno dei più grandi attori viventi. Per interpretare Kenny Wells ha compiuto una trasformazione fisica completa: testa semicalva, qualche lavoro odontoiatrico, l’aggiunta di 20 Kg acquisiti attraverso una dieta a base di birra, cheeseburger e milkshake. Fa impressione vederlo nel film e pensare che il fisico sia proprio il suo – un po’ come fu per Dallas Buyers Club.

Dal 4 maggio al cinema, Eagle Pictures e Leone Film Group presentano GOLD – La grande truffa, un film di Stephen Gaghan, il racconto di un sognatore che, con una classica narrazione d’avventura, esplora la vera natura degli uomini. Un film da vedere.

Loading...

Commenta per primo

Lascia un commento

Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
LinkedIn
Share
Instagram