Cinema e Drink: RED URGE ispirato ad American Beauty, di Martina Proietti, assistant bar manager del The Court di Roma

Alberto Blasetti / www.albertoblasetti.com

DRINK: RED URGE
(ispirato al film ‘American Beauty‘, di Sam Mendes, 1999)

BARTENDER: Martina Proietti, assistant bar manager del The Court di Roma

Segnala a Zazoom - Blog Directory

INGREDIENTI:

45 ml Angel’s Envy Bourbon Whiskey Fat Washed con cioccolatini Cremino*
30 ml Campari
15 ml Sciroppo di petali di Rosa**
2 dashes Bitters al Cardamomo

Bicchiere
: Nick & Nora coupette
Garnish: oro edibile e petalo di rosa cristallizzato

PREPARAZIONE:
*Sciogliere a bassa temperatura 150g di cioccolatini Cremino in 700 ml di Angel’s Envy Bourbon Whiskey. Lasciare riposare la soluzione in congelatore per 48h e successivamente filtrarla con un filtro di stoffa. **Porre sottovuoto 120g di petali di rosa edibile in 400ml di acqua calda e lasciare in infusione a temperatura ambiente per 48h.
Con la tecnica dello shake & double strain, filtrare e ridistillare un terzodell’infuso in un Rotary Evaporator, ottenendo un’acqua di petali di rosa. Unire 250ml di infuso a 100ml di acqua di petali di rosa e produrre uno sciroppo di proporzioni 2 a 1. 

Alberto Blasetti / www.albertoblasetti.com

ISPIRAZIONE:
Red Urge è un cocktail ispirato alla pluripremiata pellicola American Beauty con la regia di Sam Mendes. Il film, vincitore di 5 Premi Oscar, 3 Golden Globe e 6 Premi BAFTA, tratta di bellezza. Anche se perduta, inafferrata, inafferrabile, inaspettata, è pur sempre presente nelle esistenze complicate dei suoi protagonisti che hanno perso la passione per la vita e la gioia di condividerla, lasciando spazio e silenzi colmi di rabbia e recriminazioni. Filo conduttore dell’eccezionale fotografia curata da Conrad Hall sono le splendide rose rosse (della cultivar francese che dà nome al film) delle quali American Beauty è disseminato a simboleggiare la profonda presenza della passione. In questa pellicola l’equilibrio precario dei protagonisti precipita definitivamente nel momento in cui si trovano costretti a gettare la maschera. Ecco allora che tutto il lavoro fatto per costruire sovrastrutture che danno un’immagine di sé vincente agli occhi della società è destinato ad andare in frantumi di fronte all’inevitabile emergere della propria vera essenza. Una rappresentazione di quello che dovrebbe essere il segreto di una vita piena, appagante e appassionata e non vissuta invece all’insegna della repressione e dell’esaltazione dell’apparenza all’inseguimento di desiderabilità sociale. Un forte invito a vivere con pienezza le proprie vere passioni spingendosi sempre più in avanti riconquistando la capacità di trovare la bellezza in ogni piccolo frammento della nostra quotidianità. È questo che Red Urge vuole essere: un monito ad inseguire senza sosta le proprie passioni. Bourbon addolcito con una nota di cioccolato: forza e tenerezza. Campari: passione e carattere. Rose: simbolo di bellezza, ma anche fedeltà. Cardamomo: condimento speziato e pungente. Questi sono secondo me gli ingredienti che miscelati nelle giuste proporzioni possono creare una bevanda che ci ricorda senza batter ciglio di proseguire la nostra esistenza alla ricerca del nostro vero IO evitando di concentrarsi su banalità imposte che fanno spesso parte del nostro moderno vivere.

Loading...

Commenta per primo

Lascia un commento

Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
LinkedIn
Share
Instagram