“Romolo + Giuly ha vinto il bando Movieland al Roma Web Fest

imageL’Assessorato Turismo Formazione Ricerca della Regione Lazio con Roma Lazio Film Commission e con il supporto di Roma Web Fest, primo festival internazionale in Italia dedicato al mondo delle web serie e dei contenuti digitali, annunciano il vincitore del bando Movieland, concorso dedicato alle web serie, (puntate zero).

Romolo + Giuly” di Michele Bertini Margarini, prodotto da Zerosix Productios è la web serie vincitrice del premio di 5.000,00 euro, uno spaccato della dimensione territoriale romana e laziale reso in maniera innovativa e originale. Un cast fantastico formato da Michelle Carpente, Alessandro D’Ambrosi, Massimo Ciavarro, David Pietroni, Matteo Nicoletta, Niccolò Senni, Michele Di Stio.

L’anteprima proiettata durante la cerimonia di premiazione del Roma WEB Fest del 2 ottobre al MAXXI ha riscosso grande successo di pubblico. 
12116094_10208832945087807_1156097330_oRomolo Montacchi, unico figlio maschio (dopo sette femmine) del candidato sindaco Arfio, viene mandato dal padre in missione nell’odiata Roma Nord. Insieme ai suoi amici Manuel e Dario deve mettere a ferro e fuoco una festa nella fastosa villa di Massimo Copulati, intento a raccogliere sostegno e finanziamenti dalle famiglie alleate per la sua campagna elettorale. Dopo essersi travestiti per mimetizzarsi a Roma Nord, e dopo un viaggio attraverso un mondo per loro sconosciuto e ostile, i tre ragazzi arrivano alla festa, dove le cose vanno molto diversamente da come avevano previsto. Romolo, pur avendo sempre asserito di non poter essere attratto dalle ragazze delle tribù settentrionali, si infatua, ricambiato, della figlia del rivale di suo padre: la giovane Giuly Copulati. I due sono completamenti ignari della reciproca identità, fino a quando il travestimento di Manuel non viene scoperto e il gruppetto di infiltrati di Roma Sud è costretto alla fuga da Giangi, promesso sposo di Giuly e delfino politico di Massimo Copulati. Tornato a Roma Sud, Romolo si riscopre innamorato. Per la prima volta nella sua vita sente di aver stabilito un legame emotivo e profondo con una donna. Purtroppo, però, non riesce a mettersi in contatto con Giuly, che è stata rinchiusa dal padre nel convento delle suore Orsoline sulla Cassia Bis e privata del suo preziosissimo iPhone 6 e del suo account Instagram, dopo l’increscioso flirt con il figlio del suo acerrimo nemico. Come in “Romeo e Giulietta”, il contatto tra i due viene stabilito attraverso la “balia” di Giuly, ovvero Lorena, la domestica filippina che, pur lavorando da anni per i Copulati, vive a Roma Sud: grazie a lei Romolo scopre che la ragazza è rinchiusa e le fa sapere che verrà a liberarla. Così, il giovane riparte alla volta del Nord con Dario e Manuel per penetrare nel convento dei Copulati e scappare insieme alla ragazza. Dopo aver liberato la ragazza, la fuga del gruppo sarà piena di assurde peripezie e difficoltà imprevedibili. Inseguiti da Giangi e i suoi uomini, Romolo e gli altri saranno costretti a chiedere rifugio lungo il cammino alle famiglie alleate dei Montacchi, alle quali dovranno nascondere l’identità di Giuly. Giunti infine al palazzo della famiglia, Romolo e la ragazza vengono accolti da Arfio Montacchi, che avverte subito il figlio delle possibili conseguenze del suo gesto: portare la ragazza nella loro dimora significa muovere a Massimo Copulati un affronto che non potrà rimanere impunito. La famiglia Montacchi ospita comunque Giuly, che cerca faticosamente di adattarsi ai diversissimi usi e costumi di Roma Sud, mentre Romolo prova a venire incontro alla ragazza, mitigando gli aspetti più selvaggi del suo carattere e aprendosi alla comprensione della mentalità e delle tradizioni di Roma Nord. L’amore tra i due procede a gonfie vele, fino a quando una delle casate alleate dei Montacchi non tradisce Romolo, rivelando ai Copulati che Giuly è fuggita con il figlio di Arfio. Per la famiglia Copulati questo “rapimento” è la goccia che fa traboccare il vaso: il capostipite Massimo decide di dichiarare guerra a Roma Sud, dando vita ad un autentico caos nella capitale. Gli intrighi tra le varie famiglie si intensificano: a parte le casate più fedeli, le altre sono pronte a vendere la loro alleanza al miglior offerente, scatenando un vortice di tradimenti, contro tradimenti, doppi e tripli giochi. I tentativi di Romolo e Giuly di fermare la guerra si rivelano vani. La stagione si chiude con l’imminenza di uno scontro violento e feroce: le truppe dei Copulati e dei loro alleati muovono verso le porte di Roma Sud, marciando via terra a bordo di un plotone di Smart e via fiume con gli equipaggi dei circoli canottieri. Romolo, Giuly e Arfio, come Paride, Elena di Troia e Priamo, guardano il nemico avvicinarsi minaccioso dalle alte mura di San Giovanni in Laterano, pronti ad una guerra fratricida.

Segnala a Zazoom - Blog Directory

Il Lazio, seconda regione a livello europeo per impegni e risorse destinate al settore cinematografico e audiovisivo, vede tra i fondi disponibili il Fondo Cinema dell’Assessorato alla Cultura, aperto anche alle webseries, una scelta strategica che valorizza i linguaggi innovativi in grado di promuovere il turismo, evidenziando le risorse artistiche, culturali e paesaggistiche della regione, e promuovendo il settore nelle sue più giovani leve, in sintonia con la dimensione internazionale che caratterizza il settore web.

LA GIURIA:
Dott.ssa Flaminia Santarelli  – Dirigente Area Promozione Assessorato Turismo Formazione Ricerca Regione Lazio
Janet De Nardis
– Direttore Artistico del Roma Web Fest
Cristina Priarone – Direttore Generale Roma Lazio Film Commission
Michael Ajawke – Direttore del Los Angeles Web Fest
Ivan Silvestrini – regista 

Il Roma Web Fest è sostenuto dal Mibact e dalla Regione Lazio, e si svolge con il patrocinio del Comune di Roma, Roma Lazio Film Commission, SIAE, Università La Sapienza, Centro Sperimentale di Cinematografia, Rai Fiction, ANICA, Premio Solinas, Altaroma, AGIS, ANEC, Agiscuola, ANEM, GiffonyAcademy, Università di Pisa e 1oo autori. Promosso e organizzato da ANCEF.

Loading...

Commenta per primo

Lascia un commento

Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
LinkedIn
Share
Instagram