‘Grosso guaio a Roma Sud’. Un romanzo criminale ironico e trash che rende omaggio al genio di Tarantino …e non solo

La prossima settimana sbarca sul web Grosso guaio a Roma Sud, opera indipendente firmata Goodtrellas.
Si racconta la storia di una piccola banda di criminali tanto ingenui quanto sprovveduti: Andrea, Cosma, Tommasino e Sandro, il quale è di ritorno da Bruxelles con una partita di droga da consegnare al ‘Meccanico’, uno spietato boss di quartiere. Ironia della sorte, lo stesso giorno in cui Sandro deve tornare a Roma si consumano gli attentati presso la capitale belga, due dei quali proprio all’aeroporto, e il corriere sparisce con l’intero carico di anfetamine. Gli altri tre si ritrovano improvvisamente ad avere un grosso debito col Meccanico. Per questo rapiscono Paoletto, fratello minore di Sandro, allo scopo di usarlo come garanzia per placare l’ira del boss. Il tentativo fallisce clamorosamente quando Paoletto, in apparenza un ragazzo ingenuo, si rivela essere molto più portato per il crimine rispetto agli amici del fratello. Insieme a loro si ritrova in una serie di rocambolesche disavventure e infausti eventi, riuscendo tuttavia, grazie alla sue abilità, a tener testa alla banda del Meccanico (in particolare al ‘Crucco’, braccio destro del boss e folle assassino con tendenze naziste) fino a giungere ad una vera e propria lotta al potere tra le parti.

Segnala a Zazoom - Blog Directory

Sulle note delle musiche originali di Stefano Ratchev e di un romanesco doc da parte di soggetti sboccati e (non troppo) improbabili, sicuramente poco raccomandabili, si scandiscono gli eventi del film in una suddivisione in capitoli prettamente tarantiniana che rievoca la struttura di Pulp Fiction (Tarantino, 1994) e di conseguenza tutto il filone del cinema americano anni Settanta e Ottanta, passando dai b-movies fino a Ritorno al futuro (Zemeckis, 1985). Naturalmente una forte influenza al film deriva anche da Romanzo Criminale – La serie (2008 -2010). Lo scopo è raccontare una scellerata parabola a base di criminalità organizzata metropolitana e poteri forti che muovono i fili di un’Italia sempre meno pulita di ciò che vorrebbe apparire.

Tra le altre cose, la APA Paimon Production è lieta di presentare un cast che vanta tra le sue file dei nomi tutt’altro che sconosciuti. Oltre ai due attori e registi del film Andrea Pirri Ardizzone e Andrea Scarcella, troviamo Roberto Ciufoli, Armando Sciotto (rapper meglio conosciuto come ‘Chicoria’), i Minimad di YouTube Alessandro Meta e Claudio Colica (attore e autore di Vegan Chronicles), Cosma Brussani, Paolo Tagliaferri, Max Quattrucci, Luca Chiarottini, Alessandro Laureti e Aza Hammerman.

Al popolo del web presto serviti l’eccesso, l’irriverenza, la molestia e l’efficacia di un prodotto tanto eccentrico quanto ragionato.

Loading...

Commenta per primo

Lascia un commento

Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
LinkedIn
Share
Instagram