Al di là del cinema...

La Soffitta di Gi a sostegno dell’OBM Onlus Buzzi

La Soffitta di Gi, lo shop on-line di prodotti usati per l’infanzia più amato della mamme milanesi (e non solo) ha deciso di sostenere il progetto benefico “La vita è un viaggio…” dell’OBM Onlus Ospedale dei Bambini Milano – Buzzi.
Come viene spiegato sul sito ufficiale http://ilviaggio.ospedaledeibambini.it: “Alcuni bambini quando nascono hanno bisogno di un aiuto in più per partire per quell’affascinante viaggio che è la vita. Si tratta di neonati critici, magari nati prima del termine e sottopeso oppure con altre malformazioni o patologie. Alcuni di loro, grazie ad interventi tempestivi, possono ripartire per il loro viaggio, altri hanno bisogno di cure speciali”.

Segnala a Zazoom - Blog Directory

Come dare il proprio contributo attraverso La Soffitta di Gi? Chi metterà in vendita i propri prodotti, oltre a guadagnare, da oggi potrà scegliere se destinare tutto o parte del proprio guadagno a sostegno di questo progetto.

Conosco bene l’Ospedale Buzzi e ho avuto modo di vedere da vicino con quanta professionalità e cuore operi il suo personale” – dice Andrée Pedotti Koen, ideatrice de La Soffitta di Gi – “Sono quindi felice di poter aderire a questo progetto benefico, che mi coinvolge umanamente ed emotivamente, come piccola imprenditrice ma soprattutto come madre”.

Cos’è La Soffitta di Gi:
È un negozio on-line per il bambino che punta sull’usato, ma solo di alto livello, nato da un’idea di Andrée Pedotti Koen, giovane mamma di Ginevra e Penelope (rispettivamente 5 anni e un anno e mezzo), www.lasoffittadigi.com propone, con un innovativo sistema di vendita, prodotti, usati ma comunque di ottima qualità, indispensabili per il bambino e la sua famiglia durante la prima infanzia e negli anni successivi, ma anche giocattoli per bambini. Chiunque può vendere online, direttamente da casa, e guadagnarci.L’obiettivo è quello di frenare le ingiustificate spese per attrezzature e giochi che, avendo un tempo di utilizzo ridotto, possono essere usate da più mamme. Si riducono così anche lo spreco e i rifiuti.

Loading...

Commenta per primo

Lascia un commento

Follow by Email
Facebook
Facebook
LinkedIn
Instagram