Io Sono Libero in onda lunedì 29 in prima serata su RaiUno

imageIn occasione del 25esimo anniversario dell’omicidio di Libero Grassi, Rai1 ricorda l’imprenditore siciliano ucciso dalla mafia con “Io Sono Libero”, la docufiction in onda lunedì 29 agosto in prima serata, che vede tra i protagonisti, Alessio Vassallo, Pietro Chiaramida. Stella Egitto e Alessandra Costanzo.

Segnala a Zazoom - Blog Directory

La docufiction ripercorre gli ultimi otto mesi della vita di Libero Grassi, in un arco narrativo che va dal 10 gennaio 1991, giorno della pubblicazione sul Giornale di Sicilia della lettera al “Caro estorsore”, in cui Grassi dichiara pubblicamente di non volere sottostare alle richieste di pagare il pizzo, fino al giorno del suo omicidio, avvenuto il 29 agosto dello stesso anno.

Sono trascorsi 25 anni dalla mattina in cui Libero Grassi è stato ucciso, un cittadino comune, un imprenditore, un uomo dai mille interessi che ha pagato con la vita la sua opposizione pubblica alla cultura mafiosa. Libero Grassi non era un Magistrato, un Poliziotto, un Politico, una Persona per cui la lotta alla mafia coincideva con la sua professione.

imageLibero Grassi ha vissuto in anni in cui esisteva una logica di potere e di controllo della città di Palermo totalmente mafiosa, e si è ribellato con il coraggio di esporsi pubblicamente, usando i giornali e la televisione. Si è ribellato con la logica delle parole, con i ragionamenti, con la forza di una vita sempre vissuta, con la moglie Pina Maisano e i figli Alice e Davide, nei principi della giustizia, della libertà individuale e della crescita collettiva.

Io sono Libero, attraverso la tecnica della docufiction, racconta la sua storia, in quei mesi in cui Libero Grassi ha spezzato il silenzio, l’omertà dove si è trovato isolato, fino a diventare il facile bersaglio di un clan mafioso.

Io sono Libero, nel venticinquennale della sua morte, racconta come il suo coraggio, il suo gesto di denunciare e di spiegare coscientemente il perché di quella ribellione che tutti avrebbero dovuto compiere, è diventato un punto di riferimento per le generazioni future, perché ha inciso nella storia non solo della città di Palermo ed è entrato nella coscienza di ciascuno di noi.

Loading...

Commenta per primo

Lascia un commento

Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
LinkedIn
Share
Instagram